Librino. Sky Line Distreet.

News

13009737_1202377479796474_925213108_o

13009943_1202377473129808_1068783528_o

13016593_1202377463129809_1571854488_o

Poki

12999722_1202377456463143_564213863_o

13010274_1202377413129814_346918731_o

13010030_1202377433129812_154849080_o

I ragazzi di Res Publica Temporanea :

Con il supporto del Campo San Teodoro Liberato, del Teatro Coppola – Teatro dei cittadini, della fan page Street Art Cataniae del sito web Urban Lives, il collettivo Res Publica Temporanea urla una chiamata alle arti per intervenire nel quartiere di Librino, per anticipare i mercanti e saccheggiare gli spazi.

Librino è un quartiere popolare periferico di Catania, conta 80.000 abitanti ed è un grande pozzo da cui attingere in periodo di elezioni.
Aiutata dalla povertà e dall’ignoranza la criminalità organizzata prolifica, tanti centri di spaccio, magazzini d’armi e residenza di alcuni pezzi grossi fanno di questo posto un luogo che gode di una cattiva fama.

Librino è anche palcoscenico istituzionale, in cui esibirsi, fare le proprie buone azioni, pubblicizzarle e poi andare via nell’ombra lasciando tutto com’è.
Dopo l’esplosione della moda della street art nell’isola, con Catania che si vanta dei suoi grossi silos, Librino sembra essere il nuovo obbiettivo da colorare, con i suoi grandi spazi e grossi palazzi grigi, è il luogo perfetto per una ”riqualificazione” chic, in cui quello che si cambia è l’abito, lasciando il corpo ad imputridire in un bellissimo vestito di taffetà.

Non staremo qui a dire cosa e come dovrebbe essere la Street Art, ma spiegheremo cosa vorremmo che accada in questo quartiere:
Una conquista vecchio stile, un esercito di Artisti che scenda nelle strade e che inizi a fare Arte, laboratori, giochi, opere e parli e litighi e discuta con gli abitanti. Un’interazione che porti in maniera ”violenta” la cultura attraverso l’espressione.
Un quartiere invaso da artisti coinvolti nella realtà che li ospita trasformeranno non solo l’aspetto del luogo, ma lasceranno un segno anche nelle persone, che per la prima volta, si vedranno coinvolte nel cambiamento.

Nessun intervento sarà legale.
Nessun muro è garantito.

 

Con molto piacere Luvi ha aderito al progetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *