Roma, Villaggio Globale

Luvi_villaggioglobale_Roma

“L’inquilino del sesto piano”

Roma, Villaggio Globale

Luvi_villaggioglobale

foto di: Đenđrite ۰ Coexiຮt

Il silenzio è un occhio rapace che scruta la propria solitudine e, isolandosi, sembra cercare conforto. Un’idea di limite nell’opera di Luvi, ispirata ad un celebre fotogramma de “Una giornata particolare” di Ettore Scola, la quale sembra lottare con lo spazio contratto del muro nel tentativo di una struggente evasione onirica.

Lo sguardo mancante dell’uccello non è che la materializzazione di un’assenza, che tocca le mani e il fiato di una pietrificata figura femminile. L’amore che ritorna, e inciampa, tra le pieghe delle personali paranoie, e vuol cercare una cura intima e delicata nella vezzosa povertà dei fiori sulla camicetta o nella capigliatura spettinata, mentre gocce di colore, come lacrime, solcano il muro per ricordarci che il dolore, in fondo, è un fatto cromatico. E l’occhio eisensteiniano della madre che, implacabile, perennemente ritorna col suo carico di amarezza.

testo di: Tommaso Evangelista

Roma_wip

 

wip_villaggioglobale

 

12814489_10208757440122366_5881462450249490749_n-1

foto di: Andrea Pagnoni

12821605_10208757440162367_2626958786094285406_n

foto di: Andrea Pagnoni

12809510_10208757440322371_5903665737639404855_n

foto di: Andrea Pagnoni

917822_1266915236656909_1506425791_n

L'inquilino_del_sesto_piano_Roma